Toscana, crisi di buon governo?