Sul rapporto tra filosofia e senso comune in Gramsci