Artemide tra Locri, Reggio e Siracusa: un contributo di Francavilla di Sicilia?