Sulle tracce del volgarizzamento occitano di un erbario latino