Il linguaggio della dissimulazione nella 'Gerusalemme Liberata'