Il “controllo sociale”: alcune riflessioni su una categoria sociologica e sul suo uso storiografico