I presunti "capitanei delle porte" di Milano e la vocazione cittadina di un ceto