Verso il 'cinema della soggettività': Alexandre Astruc e altri