Il "Jeu d'Adam", Auerbach, e un'osservazione sullo stile elevato