Archeologia e pittura a Roma tra Quattrocento e Cinquecento. Il caso di Jacopo Ripanda