Le mappe dell'attività elettrica cerebrale: vantaggi e limiti