La storia sociale: un paradigma introvabile?