Un economista abruzzese sconosciuto del XVIII secolo: G.F. Nardi