Un sermone goliardico in onore di Pietro Gambacorta, signore di Pisa (1370-1392)