"Rerum vulgarium fragmenta": l'inizio della storia