Le scelte di campo polacche. La moderata allegria della crisi