Un’ipotesi michelangiolesca: "il mio segnio"