«Er auziretz» di Giraut de Borneil e «Abans qe.il blanc puoi» di autore incerto: note sul­la rima dei trovatori