Una riflessione sulle ragioni del recente successo della dignità nell'argomentazione giudiziale