L’obiettivo di questo lavoro è la salvaguardia della biodiversità e la valorizzazione di alcune specie aromatiche presenti nell’isola d’Elba utilizzando nuove tecniche di propagazione. Le piante aromatiche selezionate ed utilizzate sono state: Calamintha nepeta L., Lavandula angustifolia L., Myrtus communis L. e Salvia officinalis L. I risultati ottenuti dalla sterilizzazione, proliferazione e radicazione dei diversi espianti hanno mostrato la possibilità di utilizzare tali specie aromatiche in diversi settori valutando la possibilità di introdurre nella filiera commerciale la produzione di “baby plants” per dare nuovo impulso allo sviluppo imprenditoriale dell’arcipelago

l’isola d'Elba, un territorio strategico per lo sviluppo e la valorizzazione delle piante aromatiche locali

PISTELLI, LUISA;PISTELLI, LAURA
2012

Abstract

L’obiettivo di questo lavoro è la salvaguardia della biodiversità e la valorizzazione di alcune specie aromatiche presenti nell’isola d’Elba utilizzando nuove tecniche di propagazione. Le piante aromatiche selezionate ed utilizzate sono state: Calamintha nepeta L., Lavandula angustifolia L., Myrtus communis L. e Salvia officinalis L. I risultati ottenuti dalla sterilizzazione, proliferazione e radicazione dei diversi espianti hanno mostrato la possibilità di utilizzare tali specie aromatiche in diversi settori valutando la possibilità di introdurre nella filiera commerciale la produzione di “baby plants” per dare nuovo impulso allo sviluppo imprenditoriale dell’arcipelago
9788860252746
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11568/208040
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact