La settima novella dell’ottava giornata del Decameron, la più lunga dell’intera raccolta, è stata spesso, dai lettori di ogni epoca, accostata e messa in relazione col Corbaccio per le sue invettive misogine. Nel Novecento essa è stata oggetto di due adattamenti, uno teatrale ed uno cinematografico, che proprio a questa relazione e a quelle invettive fanno esplicito riferimento: la commedia Il tramonto di Giovanni Boccaccio (1914) di Augusto Novelli, e il film I fuorilegge del matrimonio (1963) dei registi Valentino Orsini, Paolo Taviani e Vittorio Taviani.

La novella dello scolare e della vedova (DEC. VIII 7): due riusi novecenteschi

BARDINI, MARCO
2013

Abstract

La settima novella dell’ottava giornata del Decameron, la più lunga dell’intera raccolta, è stata spesso, dai lettori di ogni epoca, accostata e messa in relazione col Corbaccio per le sue invettive misogine. Nel Novecento essa è stata oggetto di due adattamenti, uno teatrale ed uno cinematografico, che proprio a questa relazione e a quelle invettive fanno esplicito riferimento: la commedia Il tramonto di Giovanni Boccaccio (1914) di Augusto Novelli, e il film I fuorilegge del matrimonio (1963) dei registi Valentino Orsini, Paolo Taviani e Vittorio Taviani.
Bardini, Marco
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11568/208235
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 1
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact