Sindrome di Rubinstein-Taybi: considerazioni auxo-endocrinologiche