Portare lo spettatore al centro del quadro: il corpo scenico di Dario Fo