Ghino Venturi “di buon sangue etrusco, di gusto sicuro e di sensibilità squisita”