Trattamento disumano e differimento facoltativo dell'esecuzione della pena: verso una pronunzia additiva?