Su un caso di depezzamento criminale di cadavere