Lo scorpione e la salamandra: sulla 'Vita' di Benvenuto Cellini