Sulla nuova edizione del Papiro di Bologna