Le generazioni future tra ragione e immaginazione