Il comportamento del rapporto tra le cellule A e B degli isolotti di Langerhans nella cavia gravida