La coscienza di sé nel racconto di Parmenide