Sui limiti del deduttivismo nella spiegazione e nella previsione