E’ (ancora) utile studiare i rapporti tra ozono e piante?