La connessione teleologica nel quadro del reato continuato