In luogo di una postfazione: scansione sintattica e scansione metrica nei lavori di Maksim I. Shapir