Un autografo machiavelliano riapparso: la lettera a Giovanni Vernacci del 18 agosto 1515