Il linguaggio dell'eros e della guerra nella "Gerusalemme Liberata"