Tra memoria poetica e autostazione. Ossessioni verbali e funerarie nell'Arcadia.