Fatti, finzioni e testi: sul rapporto tra antropologia e letteratura