Sulla "scrittura drammatica" tra teoria e pratica