PRONTO SOCCORSO DISTRIBUITO SU RETE METROPOLITANA: UN ESEMPIO TOSCANO