Gadda e il sublime. Sul V tratto della «Cognizione del dolore»