Osservazioni sull’editoria popolare a carattere sacro: la Biblia pauperum