L'art. 2047 tra anacronismi e pericolose fughe in avanti: ovvero, quando l'infermo di mente, il "sorvegliante" e il danneggiato sono tutte vittime