Mutare e trasmutare: alcune osservazioni sul canto XXV dell'Inferno