Si legge il canto delle trasformazioni ('mutare e trasmutare') sottolineando che la pena non sta qui nel ripetere il modo della punizione, ma nell'affrontare trasformazioni sempre ignote, che alludono alla sottrazione della stessa identità (furto della stessa umanità). Accoglie la tesi qui sostenuta Giudo Almansi (cfr. ALMANSI, Estetica dell'osceno)

Mutare e trasmutare: alcune osservazioni sul canto XXV dell'Inferno

FLORIANI, PIERO
1972

Abstract

Si legge il canto delle trasformazioni ('mutare e trasmutare') sottolineando che la pena non sta qui nel ripetere il modo della punizione, ma nell'affrontare trasformazioni sempre ignote, che alludono alla sottrazione della stessa identità (furto della stessa umanità). Accoglie la tesi qui sostenuta Giudo Almansi (cfr. ALMANSI, Estetica dell'osceno)
Floriani, Piero
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11568/2800
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact