La comunicazione perfetta. Wagner tra Feuerbach e Schopenhauer