Sull'opuscolo "De proportione composita" di Guidobaldo dal Monte