Scrittrice sudafricana di grande statura, nota e apprezzata a livello internazionale, Nadine Gordimer incarna una delle voci più rappresentative della letteratura anglofona contemporanea. Tra i prestigiosi riconoscimenti conseguiti nell'arco della sua lunghissima carriera, il Premio Nobel per la Letteratura (1991) ha reso merito alla sua "scrittura epica": una scrittura nella quale l'impegno e la testimonianza si affiancano alla lucida disamina dei conflitti interrazziali, alla difesa stoica degli ideali della dignità umana, della parità dei diritti, della libertà di pensiero e di parola. Questa monografia ricostruisce attentamente le tappe di una maturazione artistica e politica straordinaria, che affonda le radici nella prima metà del Novecento e giunge sino ai giorni nostri con "No Time Like the Present" (2012), il quindicesimo romanzo dell'autrice. Se imprescindibile è il legame con il contesto sudafricano e i suoi molteplici scenari -- dall'apartheid alla democrazia parlamentare -- si scoprirà come l'illuminante dialogo di Gordimer con la Storia interroghi pure l'universo interiore e venga creativamente plasmato dall'immaginario estetico, lungo sentieri ermeneutici dove l'artista si avventura in solitudine per tessere i filamenti della verità e tradurre in parole il suo vivido "gesto essenziale". / Indice del volume; Contents: INTRODUZIONE; CAP. I, "La lunga strada della 'ragazzina bianca di Springs'. Un quadro biografico e contestuale di Nadine Gordimer"; CAP. II, "Da 'The Lying Days' a 'The Conservationist': una panoramica sui primi sei romanzi"; CAP. III, "Verso nuove fisionomie identitarie: 'Burger's Daughter', 'July's People', 'A Sport of Nature', 'My Son's Story'"; CAP. IV, "La transizione e il post-apartheid: 'None to Accompany Me', 'The House Gun', 'The Pickup', 'Get a Life', 'No Time Like the Present'"; Riferimenti bibliografici; Indice dei nomi / An internationally well-known and celebrated South African writer, Nadine Gordimer is one of the most representative figures in contemporary Anglophone literature. Among the prestigious awards she received during her outstanding career, the Nobel Prize for Literature (1991) praised her 'epic writing': a kind of writing in which commitment and testimony come alongside a deep investigation of interracial strife and a stoic defence of the ideals of human dignity, equal rights, freedom of thought and speech. This monograph carefully reconstructs the stages of an amazing artistic and political development, which can be traced back to the first half of the twentieth century and reaches its latest peak with "No Time Like the Present" (2012), Gordimer's fifteenth novel. If the connections with the South African context (from the apartheid age to democracy) cannot be underestimated, in the book I show how Gordimer's illuminating dialogue with History also probes into the inner dimension of individuality and subjectivity. Crucially important is then the role played by the aesthetic imaginary, opening out hermeneutic paths where the artist endeavours to shed light on the truth and thus perform her vivid, 'essential gesture'.

'Nadine Gordimer'

GIOVANNELLI, LAURA
2013

Abstract

Scrittrice sudafricana di grande statura, nota e apprezzata a livello internazionale, Nadine Gordimer incarna una delle voci più rappresentative della letteratura anglofona contemporanea. Tra i prestigiosi riconoscimenti conseguiti nell'arco della sua lunghissima carriera, il Premio Nobel per la Letteratura (1991) ha reso merito alla sua "scrittura epica": una scrittura nella quale l'impegno e la testimonianza si affiancano alla lucida disamina dei conflitti interrazziali, alla difesa stoica degli ideali della dignità umana, della parità dei diritti, della libertà di pensiero e di parola. Questa monografia ricostruisce attentamente le tappe di una maturazione artistica e politica straordinaria, che affonda le radici nella prima metà del Novecento e giunge sino ai giorni nostri con "No Time Like the Present" (2012), il quindicesimo romanzo dell'autrice. Se imprescindibile è il legame con il contesto sudafricano e i suoi molteplici scenari -- dall'apartheid alla democrazia parlamentare -- si scoprirà come l'illuminante dialogo di Gordimer con la Storia interroghi pure l'universo interiore e venga creativamente plasmato dall'immaginario estetico, lungo sentieri ermeneutici dove l'artista si avventura in solitudine per tessere i filamenti della verità e tradurre in parole il suo vivido "gesto essenziale". / Indice del volume; Contents: INTRODUZIONE; CAP. I, "La lunga strada della 'ragazzina bianca di Springs'. Un quadro biografico e contestuale di Nadine Gordimer"; CAP. II, "Da 'The Lying Days' a 'The Conservationist': una panoramica sui primi sei romanzi"; CAP. III, "Verso nuove fisionomie identitarie: 'Burger's Daughter', 'July's People', 'A Sport of Nature', 'My Son's Story'"; CAP. IV, "La transizione e il post-apartheid: 'None to Accompany Me', 'The House Gun', 'The Pickup', 'Get a Life', 'No Time Like the Present'"; Riferimenti bibliografici; Indice dei nomi / An internationally well-known and celebrated South African writer, Nadine Gordimer is one of the most representative figures in contemporary Anglophone literature. Among the prestigious awards she received during her outstanding career, the Nobel Prize for Literature (1991) praised her 'epic writing': a kind of writing in which commitment and testimony come alongside a deep investigation of interracial strife and a stoic defence of the ideals of human dignity, equal rights, freedom of thought and speech. This monograph carefully reconstructs the stages of an amazing artistic and political development, which can be traced back to the first half of the twentieth century and reaches its latest peak with "No Time Like the Present" (2012), Gordimer's fifteenth novel. If the connections with the South African context (from the apartheid age to democracy) cannot be underestimated, in the book I show how Gordimer's illuminating dialogue with History also probes into the inner dimension of individuality and subjectivity. Crucially important is then the role played by the aesthetic imaginary, opening out hermeneutic paths where the artist endeavours to shed light on the truth and thus perform her vivid, 'essential gesture'.
Giovannelli, Laura
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11568/411267
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? 0
social impact