Banalità del male e costruzione culturale della violenza