Gramsci, Cirese e la tradizione demologica italiana